Pattinaggio corsa. Terza tappa 2° Trofeo Pierino Gava

Terza tappa 2° Trofeo Pierino Gava. Si chiude con la terza tappa il 2° Trofeo Interregionale Pierino Gava di pattinaggio Corsa. La manifestazione è stata organizzata dal Pattinaggio Libertas Porcia, su mandato del Centro Regionale Libertas FVG e del Centro Provinciale di Pordenone domenica 5 maggio.

La manifestazione che ha coinvolto circa un centinaio di mini atleti nati dal 2014 in poi, ha accolto questa volta al pattinodromo di Porcia tre associazioni. Lo Skating Club Comina, il Gruppo Roller Teglio, il Pattinaggio San Donà e, ovviamente i padroni di casa del Pattinaggio Libertas Porcia.

Erano previste una prova di destrezza ed una di velocità su percorsi differenti, con difficoltà adeguate all’età dei partecipanti. Il tempo totale delle due prove, a meno di penalità, ha deciso i vincitori delle quattro categorie, senza distinzione fra maschi e femmine.

I vincitori della terza tappa 2° Trofeo Pierino Gava

Questa volta le classifiche sono state completamente rivoluzionate. È stata infatti Lara Paoletti (Skating Club Comina) ad aggiudicarsi il primo posto fra i nati tra il 2013 e il 2014; Lara Cattaneo (Comina)ha invece conquistato il trono nelle classi 2011 e 2012, come nella prima prova; Emma Fantuzzi (Comina) è stata spodestata da Sarah Dibari (Gruppo Roller Teglio), la più veloce nella categoria 2008-2010. Per finire anche Maik Martin, atleta di casa, si è fatto soffiar via la vittoria nelle classi 2007 e precedenti, conquistata invece da Marta Zanello (Teglio).

Hanno onorato le premiazioni Paola Gava, figlia del compianto Pierino, cui è stato dedicato sia il pattinodromo che il Trofeo, e l’assessore allo sport del comune di Porcia Martina Zanetti. Ha infatti ricordato che «senza la nuova copertura del pattinodromo questa gara forse oggi non sarebbe stata possibile. È proprio In una giornata come questa che ci si rende conto quanto fosse necessaria».

CLICCA QUI PER LEGGERE LE CLASSIFICHE DELL'ULTIMA TAPPA

Powerchair hockey. Prepartita Skorpion Varese – Madracs

Prepartita Skorpion Varese – Madracs. Gli Alma Madracs Udine domenica 12 Maggio scenderanno sul parquet di Buttrio contro gli Skorpions Varese per l'ultimo atto della regular season 2018/19. I friulani suonano la carica perché la partita, fischio d'inizio ore 14:00 nell'impianto di via Lungoroggia, potrebbe portare la squadra di casa a raggiungere il clamoroso obiettivo play-off fissato a inizio stagione e rincorso con commovente impegno per tutto il campionato. I play-off scudetto di Lignano Sabbiadoro sarebbero raggiunti per la prima volta da una squadra regionale che con orgoglio porterebbe la propria bandiera e quella del Friuli a sventolare tra quelle delle 6 migliori squadre italiane.

Prepartita Skorpion Varese – Madracs

Avversari di turno sono gli Skorpions Varese, squadra storica e tecnicamente ineccepibile ma dimostratasi nervosa e con una rosa poco profonda. Squadra che Udine ha già dimostrato all'andata di poter battere ma che allo stesso tempo non regalerà nulla, nel nome del proprio blasone. A dirla tutta Varese per scavalcare in classifica i verdenero dovrebbe, soltanto 24 ore prima, sbancare Venezia per poi provare a battere con almeno 3 gol di scarto i Madracs. Ipotesi molto remota dunque che però non è da sottovalutare.

Il coach verde nero resta dunque in allerta.

“Non mi fido. I Black Lions Venezia non hanno più niente da chiedere a questo girone. Sono primi, hanno asfaltato tutti e sono già con la testa alla semifinale scudetto. Potenzialmente potrebbero far giocare quei ragazzi che hanno avuto poco spazio e sarebbe un loro indiscutibile e sacrosanto diritto. Non voglio che la mia squadra si concentri sulle altre partite. Noi dobbiamo in ogni caso vincere, per la classifica o per dimostrare comunque che ci meritiamo un posto alle finali. Dobbiamo andarci per i nostri meriti e non per le sconfitte altrui.”

Il messaggio alla squadra e ai tifosi è più chiaro che mai! Il palazzetto dovrà essere una bolgia perché gli Alma Madracs, se tutto andrà come da copione, vorranno condividere con tutti voi la loro felicità. Un traguardo che potrebbe riscrivere la storia del powerchair hockey friulano, di una società che, al suo secondo anno in A1, si potrebbe già trovare a lottare per lo scudetto tricolore.